domenica 11 dicembre 2016

martedì 6 dicembre 2016

Punto Croce e Cucito - Sacchetto per il pane

Un altro lavoro senza un precedente "Work in progress", questo perché è stato "in progress" per mooolto tempo :-D
Si tratta di un sacchetto portapane con fascia in aida ricamata a punto croce. E questo, contrariamente ad esempio ai miei solito asciugapiatti, non era un articolo pronto da ricamare, ma l'ho fatto io al 100%, realizzando anche il sacchetto stesso. Stranamente il risultato è piuttosto buono, cosa non da poco considerando che non ho molta esperienza nel cucito :-D
Questo sacchetto però ha avuto una storia lunga e tortuosa, di fatti come dicevo prima è stato "in progress" per mesi. 
Su un vecchio numero di RicAmare ho trovato gli schemi per realizzare due strisce a punto croce abbinate, una per il sacchetto del pane e l'altra per il porta sacchetti, e me ne sono subito innamorata, anche perchè era un modo particolarmente bello per realizzare delle versioni decorative di due oggetti di uso quotidiano, che sarebbero stati benissimo nella cucina della mia casa nuova.
Prima di tutto ho ricamato la striscia a punto croce, cosa anche abbastanza veloce dato che non  c'era da dover fare necessariamente il retro perfetto, poi sono andata in giro a cercare la stoffa per realizzare il sacchetto (prendendone in quantità sufficiente da poter fare anche il porta sacchetti abbinato), ed in un negozio di tessuti ho trovato un bel pezzo di cotone a nido d'ape giallo pallido. A casa di mia mamma c'era un sacchetto per il pane un po' datato ma carino, e mi sono ispirata a quello per decidere dimensioni e forma del sacchetto. In particolare, da questo ho preso l'idea di rovesciare il bordo superiore per creare il passante per il cordoncino, cosa che va a creare una gala arricciata quando si tira il cordone, che fa una bella rifinitura al sacchetto. Sempre da qui ho preso lo spunto di bordare tutto il sacco con del nastrino a sbieco, e ne avevo quindi scelto uno bellissimo con dei fiorellini rossi e dellle foglie verdi su fondo bianco. Mi sono quindi armata di macchina da cucire ed ho realizzato il sacco applicandovi la striscia ricamata.
Fino a qui tutto bene... il problema si è presentato però quando ho lavato il sacchetto finito. 
Togliendolo dalla lavatrice mi è letteralmente preso un colpo: si era ristretto in modo impressionante, ed in maniera neanche omogenea, tanto da deformarsi. Da quanto aveva ritirato, era anche saltato via in diversi punti il nastrino che lo bordava. Inoltre si era rovinato anche il colore, il giallo era diventato ancora più pallido, ed aveva anche preso una sfumatura grigiastra.
Qui devo fare un mea culpa: avrei dovuto bagnare il tessuto PRIMA di cucire il sacchetto. Mi sarei perlomeno risparmiata di cucirlo (e non c'è voluto poco) vedendo la reazione della stoffa al lavaggio. C'è anche da dire che, a parte questo, io non ho altra colpa: il tessuto era costato un bel po' (avessi scelto una stoffa troppo economica ci poteva anche stare), e l'ho lavato in lavatrice ma da solo, con un buon detersivo, a 40°, e con un programma particolare della mia lavatrice nel quale il cestello non gira a 360° ma oscilla soltanto, adatto per i capi più delicati (ci lavo appunto maglie di lana ed altre cose delicatissime e non ho mai rovinato nulla).
Mi è preso veramente lo sconforto... tante ore di lavoro, un bel risultato, e tutto rovinato in un'ora scarsa di lavaggio...
Sono quindi partita di nuovo, stavolta in un altro negozio, alla ricerca di un tessuto. Mi sono anche raccomandata al commesso chiedendo una stoffa veramente buona, spiegandogli la mia precedente disavventura. Lui mi ha assicurato che con questo bel tessuto arancione non avrei avuto problemi, e così è stato: quando l'ho lavato (nello stesso modo del tessuto precedente, ma stavolta PRIMA di cucire) non si è modificato neanche minimamente. Sono poi andata in merceria a prendere un altro nastro a sbieco, ed ho scelto questo a quadretti giallo-arancio, preferendolo stavolta un po' più largo, per essere ancora più sicura che non ci fossero problemi.
Si è presentato però l'ennesimo problema: si è rotta la macchina da cucire, cosa che avevo già accennato in un altro post. Ho dovuto aspettare mesi prima di averla nuova, ed ho quindi finito il lavoro solo una decina di giorni fa.
Diciamo che mi è servita da lezione tutta questa storia :-D
Ho già ricamato anche la striscia per il porta sacchetti, quindi appena avrò modo di passare qualche giorno dai miei genitori (cosa che dovrebbe essere a breve), dove si trova la macchina da cucire, realizzerò anche questo. 
Ecco qui il sacchetto nella mia cucina (appeso al forno tanto per farvi vedere come sta da arricciato):
Materiali utilizzati:
  • Nastro in tela aida;
  • Filati mouliné DMC;
  • Ago n°26;
  • Schema per il ricamo a punto croce;
  • Tessuto di cotone;
  • Nastro a sbieco;
  • Fili colorati per cucire a macchina;
  • Cordoncino bianco;
  • Macchina da cucire.

sabato 3 dicembre 2016

Punto Croce - Asciugapiatti e presine "Buon Natale"

Dopo un'attesa dovuta a problemi nel fare le foto (il lavoro era già finito da un po'), ecco finalmente terminato ciò che avete visto nell'ultimo "Work in progress", un set natalizio che comprende un asciugapiatti e due presine ricamate.

Anche questo completo faceva parte del famoso "mucchio" di cose da ricamare. L'avevo acquistato su Ebay, da una signora che li faceva da sola, quindi è fatto "in casa". La parte inferiore del nastro in aida sull'asciugapiatti e sulla presina quadrata ovviamente non era cucita in basso, per permettere di ricamarlo. Sulla presina a cuore invece non c'era il nastro in aida, questa è una mia aggiunta. Difatti, come vedete, è più basso rispetto a quello dell'asciugapiatti e dell'altra presina.




 Questa è stata una delle rarissime volte in cui ho utilizzato il moulinè metallizzato, come ormai sapranno molte di voi non è molto semplice da lavorare, ed anche fermare il filo non è semplicissimo, difatti ho scelto di utilizzarlo in un ricamo dove non si vede il retro, di modo che l'ho potuto fermare in maniera salda (ma un po' aggrovigliata!) senza che si vedesse nulla.
 Per essere stato fatto in casa, è particolarmente ben curato, in particolare nella scelta del tessuto (che ha un disegno bellissimo, in foto si nota poco ma alcuni dettagli sono metallizzati in oro, ecco perchè ho scelto di usarlo anche io nel ricamo), nell'aver usato il nastro in aida con il bordo rosso, e del nastro di raso per fare gli occhielli per appenderli.
Per il disegno ho unito due schemi diversi: il primo comprendeva la scritta con l'alberino e le varie stelline dorate, le stelle di Natale invece le ho prese su un'altra rivista ("Punto Croce Collezione Natale", pubblicato da Mani di Fata). Sono state un'aggiunta finale, che non avevo pianificato inizialmente, ma che si è resa necessaria perché il disegno altrimenti restava un po' troppo spazio bianco sui lati, ed anche per arricchirlo un po' visivamente riprendendo il motivo stampato nel tessuto. 
A presto con altri ricami natalizi!

Materiali utilizzati:
  • Asciugapiatti e presine con inserto in aida;
  • Filati mouliné (tutti DMC tranne quello metallico oro che è di Anchor);
  • Ago n°26;
  • Schema;
  • Macchina da cucire (terminare di cucire il lato inferiore delle strisce in aida una volta finito il ricamo).